Kashoggi, per la Cia è stato il principe ​Mohammed Bin Salman a ordinare l’omicidio

Una possibile svolta arriva nelle indagini che riguardano l’omicidio di Jamal Khashoggi. Secondo il Washington Post sarebbe stato il principe saudita Mohammed bin Salman ad ordinare l’uccisione del giornalista a Istanbul. Il governo saudita ha sempre smentito un suo coinvolgimento nell’uccisione del giornalista dissidente. La Cia è giunta a queste conclusioni dopo aver esaminato molte fonti di intelligence. Tra gli elementi degni di nota ci sarebbe una telefonata tra il fratello del principe, Khalid bin Salman, ambasciatore negli Stati Uniti, con lo stesso Khashoggi nella quale avrebbe detto al giornalista di recarsi al consolato saudita a Istanbul per ritirare dei documenti.

Khashoggi, che viveva in autoesilio negli Stati Uniti e collaborava con il Washington Post, aveva preso un appuntamento proprio per andare in consolato e ottenere i documenti necessari a sposare la fidanzata, turca. La procura generale saudita ha confermato pochi giorni fa quelle che erano finora delle indiscrezioni: il 2 ottobre è stato prima drogato e poi smembrato all’interno della sede diplomatica; i suoi resti poi, secondo la versione di Riyad, sarebbero stati consegnati a un agente fuori dal consolato.

Il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman

Per ora la Casa Bianca non ha commentato. Prima della notizia sulla conclusioni della Cia diffuse del Wp, ha annunciato sanzioni contro 17 funzionari sauditi, compreso Saud al-Qahtani, potentissimo stretto collaboratore del principe Salman rimosso dall’incarico dopo l’omicidio di Khashoggi.

Impostazioni privacy