Come gestire il proprio stipendio per non arrivare a fine mese senza soldi: il segreto è in queste 5 regole

Vuoi imparare a gestire il tuo stipendio, senza arrivare a fine mesi con pochissimi soldi? Semplice: il segreto è in queste 5 regole.

Avere uno stipendio che ci consenta di arrivare a fine mese, riuscendo anche a mettere da parte qualcosina di denaro, utilizzandolo per viaggi o ad altri ‘hobby’, è ciò che tutti desiderano. Ma purtroppo, visto il caro vita e la conseguente crisi economica del nostro Paese, tutto ciò sembra davvero essere solo un sogno. Riuscire ad arrivare a fine mese, pagando tutto ciò che è obbligatorio, sembra essere davvero difficile al giorno d’oggi.

metodo risparmiare denaro fine mese
Il metodo per riuscire a risparmiare denaro a fine mese (Insideweek.it)

Per fortuna, diversi esperti in finanza, hanno ideato un metodo perfetto, che consiste in 5 regole da seguire per poter arrivare a fine mese con qualcosina ancora in tasca. Vediamo insieme di cosa si tratta e come metterlo in pratica.

Gestisci il tuo stipendio con queste 5 regole: sarà semplicissimo!

In questi ultimi anni che hanno seguito la pandemia del Covid-19, la parola che abbiamo pronunciato più volte e sentito più volte è stato sicuramente ‘risparmio’. Quest’ultima è stata indispensabile nella nostra vita, perché ci ha aperto gli occhi ad un nuovo stile di vita che siamo stati costretti ad adottare. Infatti risparmiando di continuo e facendo dei tagli siamo riusciti ad arrivare a fine mese per tutto l’anno trascorso.

Ma se desideriamo anche conservare qualcosina di soldi, abbiamo bisogno di seguire con precisione 5 regole redatte dagli esperti di finanza. In questo modo, riusciremo ad avere sempre del denaro a nostra disposizione. Pronti a scoprire di cosa si tratta?

5 regole risparmio fine mese
5 regole per attuare un risparmio a fine mese (Insideweek.it)

Tra le 5 regole da seguire, troviamo sicuramente:

  • Segnare le entrate e le uscite. Probabilmente, potrebbe apparire come un compito abbastanza scocciante da compiere, ma sembra essere necessario per tenere conto di tutto ciò che accade durante l’intero mese. Quindi è bene togliere i soldi per le spese ‘fisse’ e per quelle probabili. In questo modo si riuscirà a capire dove dover necessariamente ridurre e dove no.
  • Limitare i pagamenti con la carta di credito. In questo modo, pagando sempre con la carta di credito, si finirebbe cn il non tenere conto di quanto spendiamo. Sarebbe invece utile, per vederlo con i nostri occhi, acquistare spesso con il denaro liquido, in modo da darci un freno nello shopping soprattutto.
  • Rivedere le spese ‘fisse’. Tra queste, quelle realmente fisse ed impossibili da eliminare sono: affitto, bollette e spesa di cibo e detersivo. Il resto sono superflue, come ad esempio abbonamenti a Netflix, Sky e così via.
  • Addio alle spese superflue. Un altro dato da rivedere è limitare, o addirittura eliminare, le spese ‘superflue’. Quest’ultime sono, ad esempio, shopping compulsivo: l’acquisto di un paio di stivali anche se ne abbiamo in grande quantità in casa.
  • Creare un fondo limitato. Avere una sorta di ‘salvadanaio’ sulla propria carta di credito, potrebbe essere il modo migliore per conservare del denaro che può esserci utile nei momenti più ‘bui’ della nostra esistenza.
Impostazioni privacy